la parabola del buon twittatore

Una sorta di  “parabola” sulla presenza del Papa su Twitter è stata raccontata ai microfoni della Radio Vaticana dal portavoce della Santa Sede, padre Federico Lombardi.

“Il nuovo twittatore uscì nel continente digitale per twittare. Alcuni abitanti del continente dissero: ‘Che ci fa qui questo intruso? In questo campo solo noi sappiamo che cosa e come bisogna twittare!’. E lo presero in giro e gli volsero le spalle. Altri abitanti dissero: ‘Interessante e divertente! Vediamo se avrà più followers di altri VIP, attori o calciatorì.
E fecero le loro considerazioni sui numeri, ma non pensarono a cosa dicevano i tweet e dopo un pò se ne disinteressarono. Altri dissero: ‘Bene. C’è qualcuno che si preoccupa di dirci delle cose che ritiene importanti per ognuno di noi. Staremo attenti per vedere e sentire, e saremo contenti di ritwittare ai nostri amici in ricerca come noì. E i tweet portarono frutto e si moltiplicarono, per trenta, per sessanta, per cento… Chi ha orecchi per intendere, intenda”.

https://twitter.com/Pontifex_it

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *